LABEL FOCUS: Motz – un collettivo techno femminile di successo

Il collettivo femminile MOTZ celebra il suo primo anno di attività. Con la loro etichetta discografica, i webzine e gli eventi, sono riuscite a diventare membri attivi della scena musicale techno di Berlino, Londra e Dublino. Abbiamo incontrato Jasmine Azarian, fondatore del collettivo di successo e le abbiamo chiesto di condividere con noi la sua storia di successo:

MOTZ agli albori

“MOTZ ha avuto inizio lo scorso Novembre come rivista online dedicata alla musica techno. Il progetto MOTZ è stato un’idea messa da parte per anni, ma ha visto la luce dopo che mi sono laureata lo scorso anno. Avevo studiato giornalismo in precedenza nel 2008 ed ero interessata a dar vita ad una rivista sulla musica techno dalla prospettiva di una donna. Mi sono messa in contatto con vari amici con competenze diverse affinché diventassero parte del progetto.

Mariel, ad esempio, è la nostra designer grafica, Niamh se ne intende molto di musica underground ed è anche brava a scrivere, mentre Stefanie fa parte della scena musicale techno di Berlino e Belfast da molti anni. Tutte le ragazze sono irlandesi ma vivono in diverse parti del mondo, permettendoci di avere una portata internazionale. Due vivono a Berlino, una a Dublino, una a Londra e una in Perù. Siamo un team di cinque persone in totale. Ho cominciato a progettare il sito web agli inizi di Ottobre e ha preso vita del tutto a Novembre.

Abbiamo iniziato facendo interviste, recensioni, podcast e dando altre importanti notizie sulla musica techno. Abbiamo fatto anche delle anteprime di tracce, tramite le quali abbiamo offerto gratuitamente la musica di un artista e lo abbiamo pubblicizzato. Questo a sua volta ha creato una piattaforma che ci ha permesso di trasformare la nostra rivista online in un’etichetta. Il nostro quinto membro, che ora è la nostro acting editor, ci ha contattato su Facebook e si è unita al gruppo in seguito.”

La filosofia di MOTZ

“Noi di MOTZ crediamo nell’uguaglianza sulla scena musicale techno. Benché si tratti di un collettivo tutto al femminile, non è nostra intenzione escludere gli uomini. Ho visto del femminismo estremo ostracizzare membri del sesso opposto, che è controproducente. Sì, c’è disparità sulla scena e ci sono molti più uomini coinvolti, ma questo può cambiare. L’esclusione non aiuterà a migliorare la situazione. Gli uomini e le donne sono diversi, ma possiamo cambiare le cose supportandoci a vicenda. Lo scopo della musica è unire le persone e sostenersi a vicenda in quanto artisti.

In quanto collettivo femminile, stiamo cercando di incoraggiare le donne ad entrare nel settore. Può essere piuttosto difficile e un po’ intimidatorio ma penso che se le donne vedono altre donne partecipi può anche rivelarsi stimolante e motivante. Abbiamo avuto a bordo alcuni artisti eccezionali, sia uomini che donne. Ci sono alcuni fantastici collettivi femminili, come GASH Collective a Dublino che ospita DJ e workshop di produzione per le donne. MEAT FREE a Manchester di recente ha dato una festa per persone disabili, cosa che ho trovato particolarmente toccante dato che sono una minoranza raramente considerata nell’industria della musica dance. Penso sia importante pensare fuori dagli schemi e a come possiamo rispettarci maggiormente a vicenda sulla pista da ballo e nel settore.”

L’espansione di MOTZ

“Nelle prime fasi di MOTZ, abbiamo iniziato come rivista online, ma negli ultimi dieci mesi ci siamo evoluti in un’etichetta e il nostro primo evento è in arrivo il 17 Novembre all’Arena Club di Berlino. Questo sarà l’inizio di una serie bimestrale durante la quale ospiteremo eventi tra Berlino e Londra. Stabilendo dei contatti partecipando agli spettacoli, creando reti di contatti e mettendoci in comunicazione con gli artisti, siamo stati in grado di assicurarci alcuni degli artisti techno più prolifici del momento.

Per creare un collettivo di successo devi conoscere il tuo pubblico, avere un team che lavora bene in gruppo e che è sulla stessa lunghezza d’onda, sempre tenendo gli occhi aperti su ciò che accade nel settore. Fortunatamente, tutto è andato di pari passo. La rivista ci ha aiutato a sviluppare relazioni con persone fantastiche coinvolte nel settore e a collaborare con altri collettivi con idee simili. Anche i social media sono uno strumento molto importante per ottenere un seguito e un pubblico di lettori, ed è importante capire come funzionano e come possono essere utilizzati per sfruttare al meglio il tuo progetto.”

La qualità prima che la quantità

“Prediligere la qualità rispetto alla quantità è stato un fattore fondamentale per noi. Ci sono stati inviati dei mix da parte di artisti con grandi seguiti e li abbiamo rifiutati perché non erano in linea con il nostro sound. Ci è stata anche offerta una partnership da parte di un servizio di musica in streaming con un pubblico davvero grande che ci ha detto che avremmo tratto beneficio dalla collaborazione, ma lo abbiamo rifiutato perché parte della musica in streaming non era in linea con la nostra.

Pur potendo beneficiare di un pubblico più vasto, non sarebbe stato genuino e avremmo compromesso il nostro sound. È fondamentale sapere cosa si vuole per avere un’idea chiara della direzione che vuoi che il tuo progetto prenda. Devi essere flessibile con i ruoli. Ho cominciato scrivendo per la rivista per arrivare adesso ad amministrare l’etichetta e gli eventi, mentre il resto del team assume ruoli diversi in modo tale che tutto fili liscio. Tramite la rivista cerchiamo di scrivere contenuti interessanti ed assicurarci che tutto rimanga fedele ai fatti.”

Affrontare le difficoltà

“Devi anche essere in grado di affrontare i rifiuti, le critiche e le difficoltà. Come rivista abbiamo ricevuto critiche per le interviste e gli articoli. Devi avere la pelle dura e prendere le critiche in modo produttivo. Sfortunatamente non puoi accontentare tutti, specialmente nell’era in cui internet è pieno di critici autoproclamati. Quando ti metti in contatto con gli artisti c’è la possibilità che rifiutino un’intervista o un mix. Alcune agenzie non vogliono che i propri artisti suonino ad una festa per diverse ragioni. Con gli eventi specialmente, ci sono un sacco di cose che possono andare storte, quindi assicurati di organizzare tutto per tempo; la pubblicità dovrebbe essere preparata con mesi di anticipo e assicurati di definire un budget.

Persino il giorno stesso possono esserci delle difficoltà tecniche, perciò prova l’attrezzatura in anticipo per essere sicuro che tutto fili liscio durante la serata. Anche quando sei organizzato, a volte la vita ti mette di fronte a delle difficoltà e devi mantenere la calma e pensare velocemente alle opzioni disponibili, per esempio un artista che perde il proprio volo il giorno dell’evento, e a quali sono le alternative. Devi anche essere preparato ad eventuali perdite finanziarie, la passione dovrebbe avere la priorità rispetto al profitto, altrimenti è probabile che tu stia cercando di entrare nel settore sbagliato.”

Conclusione

“Con MOTZ imparo sempre cose nuove. Se sei appassionato, disposto a correre rischi e a lavorare sodo, progetti come questo possono rivelarsi davvero gratificanti. È fantastico far parte di questo collettivo con delle colleghe così creative e talentuose. Ha i suoi pregi e i suoi difetti, ma è un’esperienza appagante e non vedo l’ora di sapere che cosa MOTZ ha in serbo per noi.”

Save the date – 11.17.17 @ Arena Berlin MOTZ is 1 – Ossian / Time Traveler / Flmm / Moth & Jasmine Azarian

Newsletter

Grazie per aver letto il post! Iscriviti alla newsletter per essere certo di non perdere i nostril articoli.




Condividi

Post collegati

Ascolti falsi, sogni reali

| Blog Articles | No Comments

Per quale motivo non dovresti mai pagare per aumentare artificialmente i tuoi ascolti su Spotify?

10 eventi dell’industria musicale a cui dovresti partecipare nel 2019

| Blog Articles | No Comments

Ecco una selezione degli eventi più emozionanti dell’industria musicale da tenere d’occhio quest’anno.

I 7 film musicali da guardare durante le vacanze

| Blog Articles | No Comments

The winter holidays are almost here! It’s cold outside and you can’t wait to tuck yourself in your blanket and binge watch-movies?

Il miglior periodo dell’anno per pianificare un’uscita discografica

| Blog Articles | No Comments

No matter what time of the year you plan to release a new music there will always be pros and cons for each season.