Suggerimenti per evitare che la tua sala prove assomigli a casa tua o a una discarica

di Luis Interior (Revista Don)

Se fai parte di una band, la sala prove è il posto in cuia trascorrerai la maggior parte del tuo tempo come musicista. Anche se sei tu ad affittare lo spazio, ricorda: non è casa tua. È una sala prove. E Edu e Julita, del favoloso locale Pandora’s Vox a Madrid, spiegano come affittare e mantenere una sala prove in condizioni perfette.

Hinds, la più importante band internazionale indipendente in Spagna al Pandora’s Vox.

Sin da quando Edu, il leader degli Hollywood Sinners, era un adolescente, il suo sogno era quello di possedere uno spazio dedicato alle sale prova. Da allora ha cominciato a collezionare poster di concerti per decorare un giorno la sua attività. Nella sua immaginazione aveva già un obiettivo preciso: una location centrale, del buon materiale da noleggiare alle band, dei prezzi ragionevoli. Ma, soprattutto, sognava di creare un ambiente insuperabile, grazie ad un bar splendidamente decorato dove le persone potessero rilassarsi e socializzare.

Cinque anni fa, Edu Sinner ha aperto il locale Pandora’s Vox con Julita Almodóvar, a fianco della stazione Atocha a Madrid, dove i loro sogni sono diventati una realtà collettiva. Oggi i poster collezionati da Edu decorano i soffitti e le pareti di questo spazio eclettico.

Tra le mura di Vox, ogni giorno, è possibile sentire le armoniose melodie di artisti spagnoli come Hinds, Anni B Sweet, Fangoria, News Carminha o Auryn. Si possono trovare anche band internazionali come Gigolo Aunts, Allah-Las, Bellrays, Dream Syndicate o The Long Ryders che si ritagliano del tempo per provare prima dell’inizio di un concerto quando sono in tour. Ma ciò che ne tiene vivo lo spirito è il mix di dozzine di band locali, ancora sconosciute, indipendenti, che affittano le loro sale, condividendo lo spazio con altre band che ci fanno semplicemente un salto.

Ed e Julita sanno esattamente cosa accade tra le mura del loro locale e vogliono condividere con noi le loro esperienze, così che non finirai per far arrabbiare la gente del posto – o, peggio ancora, voler uccidere i tuoi compagni di band. La chiave? Trovare una via di mezzo e mantenere intatta quella sottile linea tra uno spazio intimo abbastanza da sentirti a casa (perché ci trascorrerai sicuramente la maggior parte delle tue ore di veglia) e uno che non è propriamente casa tua (non è un cestino della spazzatura o una discarica e non puoi metterti a tuo agio come faresti in caso contrario).

Ecco qui:

Consiglio generale

Prima di cominciare a provare: l’equalizzazione e la messa a punto degli strumenti e delle voci possono essere complicati e richiedere tempo. Tutto ciò è essenziale per mantenere il tuo “sound”, quindi prenditi tutto il tempo necessario prima di suonare. Il tuo scopo è suonare il meglio possibile. Quando avrai ottenuto il suono desiderato, fai una foto della sistemazione ideale così che la prossima volta tu possa riposizionare tutto nello stesso modo senza perdere troppo tempo.

Puntualità: sì, è difficile in una rock band, ma non stressarti troppo pretendendo che i membri siano sempre puntuali – ce ne sarà sempre uno in ritardo. Quindi risparmia le energie e guarda il lato positivo: puoi lamentarti di loro quando ancora non sono presenti.

Timbrare il cartellino: come buona norma, prova a rimanere mezz’ora in più. Non solo per spingerti oltre i tuoi limiti, ma per persistere quando ti senti “in vena”.  Sarebbe un peccato  lasciar perdere. Non spezzare l’impeto del momento – vai, vai, vai!

Routine e disciplina: all’inizio dell’anno il numero di band che viene a provare aumenta, ma proprio come accade per gli abbonamenti in palestra, cala gradualmente fino al punto di non ritorno. Letteralmente. Quindi ricorda che il talento può portarti solo fino ad un certo punto – il resto del tuo successo dipende dalla costanza e dalla disciplina. È questo ciò che distingue un buon musicista da uno davvero bravo.

Animali: non portare i tuoi animali alle prove. Credici o no, i musicisti in erba lasciano spesso i loro pelosi (e squamosi) amici al bar: camaleonti, cani, gatti, quello che vuoi. Oltre ad essere un inconveniente per noi, gli animali e il suono forte degli amplificatori proprio non vanno d’accordo.

 

Immagine di una sala ad ore di Pandora's Vox.

Immagine di una sala ad ore di Pandora’s Vox.

Suggerimenti per sale prova in affitto ad ore:

La pratica (a casa) rende piuttosto bravi, se non perfetti: per avere una sessione soddisfacente e sfruttare al meglio il periodo di affitto, fai un po’ di pratica a casa. Non solo suonerai meglio e inizierai più velocemente, ma risparmierai anche tempo altrimenti perso nel cercare di ottenere quel determinato risultato o quei gorgheggi.

Organizzazione: prenota la sala in tempo per avere a disposizione quella che ti piace di più.

Una buona attrezzatura: usare un buon computer non ti rende più coinvolto di tutti gli altri, ma aiuta a raggiungere un suono migliore e a non perder tempo cercando di ottenere un suono peggiore del radiatore della tua macchina o delle padelle della nonna. Ovviamente il modo migliore per integrare il processo è avere tutto pronto insieme al materiale già in partenza.

Suggerimento: non spogliarti fino a restare come mamma ti ha fatto se provi in una sala in affitto. Non sai mai chi potrebbe aprire la porta.

Pandora's Vox Bar.

Dettaglio del bar di Pandora’s Vox.

Suggerimenti per le location in affitto mensile:

Lascia le tue “cose”: certo, è in affitto, ma questo non la rende il tuo magazzino personale. Quindi evita di accumulare montagnole di cavi, garze e bottiglie di birra vuote nell’angolo.

Alcune cose è meglio lasciarle a letto: la sala prove non è un’arena. Anche se siamo tutti colpevoli di averlo fatto almeno una volta, trovare le mutande dei tuoi compagni non è poi così piacevole.

Una parola di avvertimento: lascia i tuoi hobby e le tue manie fuori dalla porta prima di entrare. Sì, amico mio, sposteranno le tue cose da un posto all’altro e non le ritroverai dove le avevi lasciate.

Non è un posto da feste: non invitare Biancaneve ad uscire fuori da una torta per la tua festa di addio al celibato nel backstage (è successo davvero, con Biancaneve che seminava i vestiti nei corridoi del locale). Non siete ancora i Rolling Stones.

Se non altro, ricorda innanzitutto questo: vieni per divertirti e divertiti. Fare ciò che ami è il segreto di ogni cosa.

Newsletter

Grazie per aver letto il post! Iscriviti alla newsletter per non perderti i nostri articoli.




Condividi

Post collegati

Digital Audio Workstations for Beginners

Le quattro workstation per l’audio digitale per principianti da noi consigliate

| Blog Articles | No Comments

Le quattro workstation per principianti da noi consigliate di Brandon Miller “Per imparare a sviluppare le proprie abilità prima di investire in qualcosa di più complesso è meglio utilizzare una DAW…

Perché la tua carriera non decolla?

| Blog Articles | No Comments

You feel as if you’re doing everything right and are convinced that you’re producing quality music but you’re not being as successful in your music career as you’d like.

Ascolti falsi, sogni reali

| Blog Articles | No Comments

Per quale motivo non dovresti mai pagare per aumentare artificialmente i tuoi ascolti su Spotify?

10 eventi dell’industria musicale a cui dovresti partecipare nel 2019

| Blog Articles | No Comments

Ecco una selezione degli eventi più emozionanti dell’industria musicale da tenere d’occhio quest’anno.