Una guida fai-da-te alle pubbliche relazioni: come essere promotori di voi stessi (parte 2)

Nella seconda parte ci occuperemo dei passaggi finali di tale processo – il follow up e la vendita della vostra storia.

Avete inviato le e-mail ma non avete ricevuto risposta – e adesso?

Avete creato la vostra storia e inviato le e-mail ad un gruppo di giornalisti scelto con attenzione. Nonostante le grandi aspettative, non avete ricevuto il numero di risposte che speravate. Non scoraggiatevi – si tratta di un caso comune nelle pubbliche relazioni, specialmente se è la prima volta che vi proponete ai media. Le pubbliche relazioni hanno come scopo finale la costruzione di relazioni a lungo termine. I giornalisti daranno spesso priorità alle proposte provenienti da contatti già esistenti rispetto a quelle dei promotori pubblicitari che non conoscono. Senza contare che ricevono dozzine, se non centinaia, di e-mail al giorno. Sta quindi a voi creare una storia sufficientemente interessante da attirare la loro attenzione. Se non ricevete alcuna risposta in seguito alla proposta iniziale, il passo successivo da compiere è il follow-up. Ma ci sono alcune regole importanti da tenere a mente per evitare di compromettere le vostre relazioni con i media.

La delicata arte del follow-up

Come regola generale, potete inviare ai giornalisti un amichevole promemoria dopo 3-4 giorni di tempo per far seguito alla vostra proposta iniziale. In ogni caso, sarà vostro interesse non limitarvi a chiedere se hanno ricevuto la precedente e-mail. Il trucco sta nell’offrire loro qualcosa in più – un’intervista esclusiva o qualche informazione relativa ad un tour imminente. Se il vostro primo tentativo non ha attirato la loro attenzione, la seconda volta cercate di offrire loro nuove informazioni o maggiori dettagli che possano catturare il loro interesse. Se è la prima volta che vi proponete ai media, una breve telefonata per presentarvi potrebbe essere appropriata. Ricordate però che molti giornalisti preferiscono comunicare via e-mail, quindi siate discreti quando rispondete al telefono.

La regola fondamentale: non assillate i media

La regola numero uno delle pubbliche relazioni: non siate fastidiosi! Eccessive e-mail di follow-up e chiamate contribuiranno unicamente a danneggiare ogni possibilità a vostra disposizione di costruire una relazione solida con i giornalisti nel lungo termine. Al contrario, siate sempre rispettosi dei loro limiti di tempo e delle loro scadenze. Scrivete e-mail brevi e arrivate dritti al punto. Se dovete ricorrere al follow-up, fatelo solo un paio di volte al massimo e poi lasciate stare le cose come stanno. A volte dovete riconoscere la sconfitta: per quanto la vostra storia possa essere importante per voi, potrebbe non essere altrettanto interessante per i giornalisti o i loro lettori.

 

Create una buona storia e il resto verrà da sé

L’ultimo consiglio per aver successo nelle vostre pubbliche relazioni è concentrarvi sulla creazione di una buona storia. Quindi fate un passo indietro e cercate di pensare in maniera oggettiva: che cosa nella vostra storia potrebbe attirare l’attenzione dei media e più in generale del pubblico? Se avete una notizia solida o una persuasiva storia personale da raccontare, il resto verrà da sé. Buona fortuna nel proporvi ai media!

Grazie per aver letto il post ! Iscriviti alla newsletter per essere certo di non perdere i nostril articoli.




Condividi

Post collegati

Le novità di Apple Music for Artists

| Blog Articles | No Comments

In this post, we’ll walk you through setting up your Apple Music for Artists profile and take a look at some of its key features.

3 strategie di pubblicazione vincenti per musicisti ed etichette

| Blog Articles | No Comments

Uno sguardo approfondito al modo in cui l’industria è cambiata e 3 strategie di pubblicazione consigliate dal nostro team di Artist & Label Relations!

Digital Audio Workstations for Beginners

Le quattro workstation per l’audio digitale per principianti da noi consigliate

| Blog Articles | No Comments

Le quattro workstation per principianti da noi consigliate di Brandon Miller “Per imparare a sviluppare le proprie abilità prima di investire in qualcosa di più complesso è meglio utilizzare una DAW…

Perché la tua carriera non decolla?

| Blog Articles | No Comments

You feel as if you’re doing everything right and are convinced that you’re producing quality music but you’re not being as successful in your music career as you’d like.